Manuale Transizione Energetica

Un manuale universale su come favorire la diffusione delle rinnovabili, redatto da tre fra le più autorevoli organizzazioni internazionali che si occupano di energia pulita: si tratta del rapporto Renewable Energy Policies in a Time of Transition, recentemente pubblicato grazie allo sforzo congiunto di IEA, IRENA e REN21.

Il lavoro offre una panoramica sulle misure di politica per promuovere lo sviluppo delle rinnovabili in tutti i settori – elettrico, termico, trasporti – e per gestire l’integrazione delle fonti intermittenti nei sistemi elettrici. Una tabella riassuntiva finale riporta la classificazione aggiornata dei diversi policy tool a disposizione e la terminologia ufficiale da utilizzare come riferimento.

Nel 2016, ben 147 paesi nel mondo hanno adottato politiche a favore delle rinnovabili (erano 48 nel 2004), compresa ovviamente l’Italia. Per il suo intento didascalico e l’autorevolezza degli autori, il rapporto è una lettura consigliata per quei decisori politici che si occupano – o si occuperanno – di energia nell’ambito del loro mandato.

Non solo rinnovabili elettriche

Se è possibile parlare di una “era delle energie rinnovabili” è grazie alla crescita, in costante progressione, della quota di elettricità globale prodotta a partire da fonti di energia pulita, che nel 2015 ha raggiunto il 23,5% (gran parte idroelettrico). Oltre i 2/3 della nuova capacità di generazione elettrica nel 2016 è stata rinnovabile, mentre i costi in discesa delle tecnologie spingono al rialzo gli investimenti e la relativa portata in termini di potenza installata.

In questo sviluppo, il supporto a livello di politiche pubbliche tramite regolamentazioni ed incentivi ha giocato un ruolo di primo piano: nel 2016 si contavano 126 nazioni con misure di policy attive per le rinnovabili elettriche, contro 68 paesi che avevano in dotazione politiche per le rinnovabili nei trasporti e solamente 21 nazioni con qualche forma di supporto alle rinnovabili termiche.

Un approccio “olistico”

È necessaria dunque più uniformità, dal momento che le rinnovabili andrebbero promosse in tutti i settori anche in considerazione del contributo relativo di ciascuno di questi alle emissioni di anidride carbonica. Infatti, essendo ancora largamente dipendenti dalle fonti fossili, il settore termico e quello dei trasporti sono molto emissivi: il primo è responsabile del 39% delle emissioni globali di CO2 (da usi energetici) e il secondo del 23%.

In generale, il rapporto raccomanda l’adozione di una visione olistica: la transizione energetica in atto implica la trasformazione non solo del sistema energetico, ma anche della struttura socio-economica sulla quale questo è costruito. Le politiche che si prefiggono lo scopo di sostenere ed accelerare questo cambiamento dovrebbero adottare dunque un approccio che tenga in considerazione entrambe le dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *