skip to Main Content

Il Countdown raccoglie i principali provvedimenti di prossima pubblicazione che permetteranno al settore elettrico italiano di raggiungere gli obiettivi del Green Deal al 2030. I provvedimenti attesi sono descritti con la data entro cui dovrebbero essere implementati.

Se al raggiungimento della scadenza il provvedimento non risultasse pubblicato, la misura passerà dal Countdown al Ritardometro, un’altra sezione di questo blog che segnala i ritardi normativi che rallentano la transizione energetica (ed ecologica).

Decreto Governance del PNRR

Entro il 31 maggio 2021
APPROVATO, la conversione si è conclusa a luglio con la pubblicazione in GU n.181 del 30.07.2021-Suppl. Ordinario n.26 della legge di conversione 29 luglio 2021, n.108 del decreto legge 31 maggio 2021, n.77, comunemente definito come DL Semplificazioni “Governance del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”.

 

Il PNRR prevede l’adozione di un decreto legge entro maggio 2021 per definire la governance del Piano e gli enti che devono intervenire in caso di ritardi nell’attuazione delle misure.

Riforma della Pubblica Amministrazione

Entro il 31 maggio 2021
APPROVATO, la conversione si è conclusa ad agosto con la pubblicazione in GU n.188 del 07.08.2021 – Suppl. Ordinario n.28 della LEGGE 6 agosto 2021, n.113 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 9 giugno 2021, n. 80, recante misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e per l’efficienza della giustizia.

 

Il PNRR prevede che entro maggio 2021 vengano approvate con un decreto legge le prime misure urgenti di semplificazione trasversali e settoriali. Sarà un percorso di semplificazione, razionalizzazione ed efficientamento dell’amministrazione pubblica che durerà fino al 2026.

Semplificazione e razionalizzazione delle normative in materia ambientale

Entro il 31 maggio 2021
APPROVATO,
la conversione si è conclusa a luglio con la pubblicazione in GU n.181 del 30.07.2021-Suppl. Ordinario n.26 della legge di conversione 29 luglio 2021, n.108 del decreto legge 31 maggio 2021, n.77, comunemente definito come DL Semplificazioni “Governance del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”.

 

Il PNRR prevede entro maggio 2021 l’approvazione di un procedimento di VIA speciale per velocizzare la realizzazione delle opere del PNRR. Entro la stessa data prevede l’ampliamento dell’operatività del Provvedimento Unico in materia Ambientale (PUA) che diventerà disciplina ordinaria a livello statale.

Renewable Energy Directive (RED II)

Il termine previsto era il 30 giugno 2021.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro.

Integrazione strumenti di pianificazione ambiente/energia (tra cui il PNIEC)

Entro il 31 dicembre 2021
APPROVATO

Entro il 31 dicembre 2021 il PNRR prevede che venga varata l’attribuzione delle competenze in materia di energia al MITE che consentirà una disciplina unitaria dei procedimenti autorizzativi e una efficace integrazione tra gli strumenti di pianificazione in materia ambientale e quelli in ambito energetico, come il Piano Energia Clima.

Superbonus 110%

Entro il 31 dicembre 2021
APPROVATO

Entro dicembre 2021 il PNRR prevede l’approvazione dell’estensione dello strumento per l’efficienza energetica fino al 30 giugno 2023.

Sviluppo agrovoltaico

Il termine previsto era il 31 marzo 2022.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro. 

Comunità energetiche e autoconsumo

Il termine previsto era il 31 marzo 2022.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro.

Rinnovabili innovative

Il termine previsto era il 31 marzo 2022.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro.

Idrogeno

Il termine previsto era il 31 marzo 2022.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro.

Sviluppo infrastrutture di ricarica elettrica

Il termine previsto era il 31 marzo 2022.
Purtroppo la misura è passata nella sezione Ritardometro.

Economia circolare

Entro il 30 giugno 2022
APPROVATO

Il PNRR prevede l’adozione della nuova Strategia nazionale entro giugno 2022 che conterrà strumenti, indicatori e sistemi di monitoraggio per stabilire i reali progressi verso gli obiettivi di circolarità nazionali ed europei. E’ prevista anche la stesura del Programma nazionale per la gestione dei rifiuti, un tassello fondamentale per colmare il gap impiantistico e gestionale del settore.

Semplificazione autorizzazioni rinnovabili, nuovo quadro giuridico per sostenere la produzione rinnovabili e proroga dei tempi e dell’ammissibilità degli attuali regimi di sostegno

Entro il 30 giugno 2022
MANCANO:

Il PNRR prevede che la riforma avverrà in parallelo con il recepimento della Direttiva RED II, ovvero entro giugno 2021. Prevede anche l’avvio di un nuovo quadro normativo all’inizio del terzo trimestre del 2021 e la consultazione pubblica sulla riforma, la cui approvazione è prevista entro dicembre 2021. Contestualmente Il Piano prevede che vengano definiti i criteri generali per l’individuazione delle aree idonee ad ospitare gli impianti rinnovabili.

Questa è una delle riforme più importanti per il settore elettrico, dove gli investimenti sono bloccati dall’eccesso di burocrazia nella fase autorizzativa. Tra le azioni più attese c’è l’avvio di disciplina condivisa con le Regioni e le PA coinvolte che definisca i criteri di individuazione delle aree idonee e non idonee all’installazione di impianti rinnovabili per una potenza complessiva almeno pari a quella indicata nel Piano Energia Clima.

Decreti del MiTE con principi aree idonee

Entro il 30 giugno 2022
MANCANO:

Il Decreto di recepimento della RED II è entrato in vigore il 15 dicembre 2021 e prevede che il MiTE entro giugno 2022 pubblichi i Decreti che contengono i criteri per la definizione delle aree idonee. Tali criteri dovranno considerare una estensione sufficiente delle aree tale da accogliere l’installazione di 70 GW di rinnovabili al 2030 e di ulteriori 230 GW di rinnovabili entro il 2050. Oltre ai criteri, dovranno essere specificate tutte le condizioni di dettaglio, ovvero le caratteristiche normative, tecniche e morfologiche delle aree.

Individuazione aree idonee da parte delle Regioni

Entro il 31 dicembre 2022
MANCANO:

Le Regioni, nel rispetto dei criteri stabiliti dal MiTE e in quantità sufficiente a raggiungere i target rinnovabili al 2030 e al 2050, dovranno rendere note quali aree sono da considerarsi idonee ad ospitare le nuove installazioni rinnovabili.

Back To Top