skip to Main Content
Eolico In Europa: L’incognita Del Post 2020

Il 2020 rappresenta un traguardo importante per l’Unione Europea, chiamata a dimostrare i progressi compiuti per centrare gli obiettivi climatici ed energetici. Secondo lo studio Wind Energy in Europe: Outlook to 2020 pubblicato da Wind Europe, l’energia eolica contribuirà significativamente al raggiungimento di questi impegni, consentendo a molti stati membri di centrare i target mantenendo la competitività e proseguendo la trasformazione dei sistemi energetici nazionali.

L’energia eolica sarà la principale fonte di elettricità rinnovabile al 2020 in Europa: superando l’apporto dell’idroelettrico, l’eolico soddisferà il 16,5% del fabbisogno europeo. Il 2017 è stato un anno da record per l’energia del vento nel Vecchio Continente. Le previsioni indicano che la crescita del comparto continuerà a ritmi sostenuti fino al 2020 con una media di 12,6 nuovi GW all’anno, superando così la soglia dei 200 GW installati.

Mentre nel breve-medio periodo lo sviluppo dell’eolico si manterrà forte, diversa è la traiettoria delineata dall’Outlook per il post-2020. L’incertezza delle politiche e la mancanza di obiettivi ambiziosi per il clima e l’energia potrebbero generare significativi impatti negativi per l’industria eolica. Soltanto pochi stati europei hanno dimostrato una visione chiara e a lungo termine. La maggior parte dei paesi non ha fornito certezze sulla stabilità dei ricavi per gli investitori nel periodo successivo al 2020.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top